Tiroidee senza frontiere

Gentilissim*

Dopo una breve pausa estiva in cui Tiroidee è rimasta comunque  attiva  attraverso la partecipazione all’importante evento del Tiroiday, siamo qui a comunicarvi la ripresa della gran parte delle nostre attività.

Tiroidee senza frontiere

L’anno si riapre con l’ implementazione di una delle principali attività finora svolte: il supporto psicologico, di cui  si potrà usufruire anche nella attualissima formula on line tramite Skype. Il nuovo progetto si chiama “Tiroidee senza frontiere” proprio perché vuole porsi come un servizio accessibile anche agli associati che per motivi logistici si trovano fuori dal territorio romano in cui svolgiamo prevalentemente le attività. I richiedenti riceveranno  la modulistica (compilazione obbligatoria) necessaria ad avviare il supporto.

A breve convocheremo l’assemblea degli associati per accogliere e discutere tutte le nuove proposte.

Continueremo a informarvi tramite la newsletter degli eventi che sono in programma.

Un caro saluto a tutti,

Per APS Tiroidee

Barbara Bonci e Simona Inguscio

SPORTELLI DI ASCOLTO E SUPPORTO PSICOLOGICO

PSICOLOGIA E TIROIDESportelli Attivi :

  • Roma Zona Quartiere Africano
    • Roma Zona Monte Mario
    • Roma Zona Tuscolana/Quadraro
    • Tivoli

Potete prenotare un incontro gratuito chiamando il numero 380-6429311 o mandando una mail a tiroidee@gmail.com .

Lo Sportello di Ascolto “Psicologia e Tiroide” è attivo a Roma grazie all’ospitalità di  EndocrinologiaOggi , GMF Medical Center,  Sport Health,  l‘Associazione Centomondi e lo Studio Di Psicologia di Tivoli.

La tiroide è al centro del nostro benessere e una sua disfunzione si cala nella vita di ognuno di noi con sintomi e modalità diverse (Stress, ansia, stanchezza cronica, depressione, sensazione di vuoto e offuscamento mentale, disturbi del sonno e dell’alimentazione  etc..). Questo sportello auspica un intervento di promozione del benessere e prevenzione del disagio in favore di persone colpite da ipotiroidismo, ipertiroidismo, malattie autoimmuni, tumore della tiroide e verso chi vive senza tiroide. Lo sportello è aperto altresì a parenti, amici e medici curanti del paziente tiroideo. I principali obiettivi dello sportello sono: Offrire spazi di ascolto individuali e in piccoli gruppi per uscire dall’isolamento e dare un senso a vissuti ed emozioni; potenziare le capacità individuali, l’autostima, l’autoefficacia favorendo l’aderenza alla terapia medica; dare alcuni strumenti per riconoscere e gestire lo stress e l’ansia.

Lo scompenso ormonale può causare problematiche psicologiche di varia natura e alterare gli stati mentali. Questo squilibrio può portare alla compromissione della qualità della vita. Una corretta terapia medica e il supporto di un valido specialista contribuiscono e in molti casi risolvono le problematiche di natura psicologica. In tanti però hanno ancora necessità di un supporto per imparare a convivere con un disturbo cronico e affrontare i cambiamenti e le difficoltà della vita.

Un servizio di aiuto finalizzato al sostegno, all’informazione, all’orientamento e alla prevenzione del disagio personale.

Sportello di Ascolto

 PER I COLLOQUI OCCORRE PRENDERE UN APPUNTAMENTO AL

380-6429311 o tiroidee@gmail.com

ASSOCIAZIONE ITALIANA BASEDOWIANI E TIROIDEI

 logo-AIBAT_fondo-nero_Bonazzi

L’AIBAT è stata fondata da Emma Bernini nel 1994 a Parma per sostenere e informare i malati affetti da patologie tiroidee. I soci attualmente sono circa duecento e quattro quelli attivi. L’obiettivo primario dell’associazione è quello di informare e sostenere i pazienti e per questo promuove incontri gestiti da specialisti. Ad aiutare vi sono gli endocrinologi, tutti ospedalieri, che lavorano alla redazione dei testi degli opuscoli pubblicati sui temi di maggiore interesse inerenti le patologie tiroidee. Un ulteriore obiettivo dell’associazione è quello dell’aggiornamento costante di metodi, cure, farmaci per curare le malattie della tiroide.

L’associazione inoltre cerca di far prendere piena coscienza a familiari e specialisti delle componenti psicologiche connesse alle malattie di Basedow ed a quelle della tiroide, spesso devastanti per il paziente anche sotto il profilo mentale e del comportamento. Numerosi sono gli effetti di cui soffrono molti pazienti affetti da ipertiroidismo o da ipotiroidismo.

La patologie più frequenti sono soprattutto i noduli tiroidei, singoli o multipli. Circa il 10% della popolazione generale europea è portatrice di patologia tiroidea nodulare, anche se molte persone non ne sono al corrente. Si vedono spesso pazienti con forme “sub cliniche” perché scoperte in una fase precoce e non provocano segni, sintomi o disturbi al paziente. Compito dello specialista endocrinologo è valutare, di concerto con il medico di famiglia, in quali di questi pazienti iniziare la terapia con tiroxina: non tutti infatti ne hanno necessità.
Seguono inoltre tutte le patologie tiroidee come le tiroiditi, l’iper e l’ipotiroidismo grave e naturalmente i tumori. Tra le numerose attività in particolare l’uso del Centralino telefonico per aiutare e supportare i pazienti. Durante l’anno vengono redatte due copie del Giornale; numerosi gli opuscoli informativi. Vengono promossi mini-convegni e incontri tra specialisti e pazienti. Inoltre si realizzano diverse iniziative di vario genere come per esempio ecografie gratuite.

  • Indirizzo: borgo Felino, 3 – 43121 Parma
  • Telefono: 0521.282456
  • Pagina Facebook: AIBAT

Descrizione dal sito: http://www.forumsolidarieta.it/associazioni/volontariato/associazione-italiana-basedowiani-tiroidei.aspx